GP Ungheria 2017: cinque risposte (più due) da Budapest

Smaltita la sbornia post vittoria chiariamo però una cosa: se Sebastian Vettel si è fatto più di tre quarti di GP d'Ungheria con un volante storto forse è stato anche per "meriti" suoi - tipo una malandrina toccata a un cordolo - in quei primi giri in cui ha impresso un ritmo forsennato alla gara. A quanto pare qualcosa non andava nel verso giusto già dai giri dietro la SC, ma diciamo che Seb ci ha messo del suo. Del resto era fondamentale scappare via sin dai primi giri. Niente saette dal cielo o congiunture astrali sfavorevoli dunque, basti vedere come invece il volante del compagno di squadra Raikkonen fosse cosi "incredibilmente" dritto e normale nei comportamenti. Tutto da discutere anche su quanto avrebbe prolungato il suo primo stint con quel ritmo e con quelle gomme. Insomma non credo che anche con un volante dritto sarebbe stata cosi facile per Vettel, in particolare contro il compagno di squadra, apparso decisamente in palla... e sono due, dopo Silverstone, le occasioni in cui in quest'estate Kimi si avvicina "pericolosamente" a Seb nel rendimento in qualifica e in gara.
Altrettanto controversa è in fondo nemmeno sviluppata è stata la faccenda tra Bottas e Hamilton. Ci sta tutta la prima inversione di posizioni a favore di Lewis - plateale ma applicata anche dalla Red Bull in un recente GP di Monaco - ma a ben vedere ci sta anche la seconda, visto che poi Hamilton non è che abbia fatto chissà che una volta messosi alle spalle delle due Ferrari, anche se Bottas dava quasi l'impressione di aver perso ogni speranza.
Comunque ora siamo in piena pausa estiva e euforia a piene mani in vista della chiusura della stagione europea con il doppio appuntamento Spa, Monza, ma prima vediamo le risposte alle cinque domande poste per la gara ungherese:

1) Partiamo ovviamente con il tormentone dell'anno... prima al traguardo una Ferrari o una Mercedes? Dico Ferrari. come per Silverstone ma stavolta deve essere veramente cosi... Ed è stato cosi.
2) Chi meglio in gara tra i due in rosso? Finirà la rogna di Kimi? Non credo e anche se dovesse interverrà qualche ordine superiore, ma lo stesso in barba a ogni logica dico Raikkonen... Ma questo non è un rosso, no no, questo è verde colorato.
3) Meglio Sainz Jr o Kvyat a fine gara nella guerra civile in Toro Rosso? Dico Sainz, a suo agio nei circuiti lenti.
4)  Chi meglio al traguardo tra Haas e Williams? Punto su Felipe e la sua Williams. Fosse partito magari... Con Di Resta fuori forma e Stroll solo un pessimo Magnussen poteva rischiare di perdere.
5) Altro classico ormai, avremo una non Ferrari o Mercedes nelle prime due file? Dico SI, e dico Verstappen al netto di inconvenienti ovviamente. Troppa Ferrari per tutti invece.

5+1) Tre nomi per il podio? Bottas, Vettel, Raikkonen. E chissà che non sia doppietta rossa. E doppietta sia.
5+2) Un nome per la pole position? Raikkonen. Il trionfo va costruito sin dal sabato pomeriggio, per cui... A metà del giro ce l'aveva la pole Kimi, ma poi...

Primo podio stagionale azzeccato in pieno, per il sottoscritto direi che già questo è motivo di soddisfazione. Vediamo adesso le risposte del coraggioso e indomito Alessio:

Alessio Angelico ha detto...

1) Ferrari
2) Vettel
3) Kvyat
4) Williams
5) No
5+1) Hamilton, Vettel, Raikkonen.
5+2) Vettel
Ad Alessio la pole e il podio "alternativo", quello maturato sino all'ultimissima curva del GP d'Ungheria.Ci si risente per Spa.

Nessun commento:

Powered by Blogger.